Pubblicità/Advertising

Kensington Garden: tra Čechov e distopia
28 Aprile 2017 | Alberto Conti | Condividi:

Con Giancarlo Nicoletti, scrittore e regista, abbiamo parlato di Kensington Garden che, partendo dai personaggi di Čechov, racconta la società contemporanea

Giancarlo Nicoletti, intervistato nel corso di City Lights, ci ha tenuto a precisare che lo spettacolo è stato scritto e rappresentato prima della Brexit. Kensington Garden, infatti,  scritto e diretto da Nicoletti, è ambientato a Londra in un futuro dove a governare è un partito xenofobo che ha messo al bando tutti gli stranieri con ronde e caccia all’uomo dove si spara a vista. In questo distopico scenario si svolgono le vicende di sei italiani costretti a stare insieme, chiusi in una villa, in attesa di sapere cosa ne sarà di loro. Sullo schema narrativo e sui personaggi de “Il Gabbiano” di Anton Čechov, Giancarlo Nicoletti ha realizzato una pièce teatrale contemporanea con tanti spunti di riflessione sul mondo attuale.

Kensington Garden è il terzo capitolo della Trilogia del contemporaneo di Planet Arts, scritta e diretta proprio da Giancarlo Nicoletti, e fa parte della rassegna AltreScene. Lo spettacolo andrà in scena a Catania domenica 30 aprile alle 21 da Zo centro culture contemporanee.

Commenta

Pubblicità/Advertising