Pubblicità/Advertising

I fiumi sotto la città: Catania si tinge di giallo
28 Marzo 2014 | Alberto Conti | Condividi:

Michela Gecele è stata ospite de Il circolo Pickwick su Radio Lab per presentare il suo romanzo d’esordio. “I fiumi sotto la città” (Forme Libere) è la storia di Ada, da Berlino trapiantata a Catania, che suo malgrado si troverà coinvolta in una misteriosa storia di omicidi e sparizioni.

ascolta l'intervista:

Michela Gecele è stata ospite de Il circolo Pickwick su Radio Lab per presentare il suo romanzo d’esordio. “I fiumi sotto la città” (Forme Libere) è la storia di Ada, da Berlino trapiantata a Catania, che suo malgrado si troverà coinvolta in una misteriosa storia di omicidi e sparizioni.

IL ROMANZO
C’è qualcosa che lega la scomparsa di Rose da Berlino con l’omicidio di Umberto nell’antico quartiere catanese di San Berillo? Se lo chiede Ada Hartmann, insospettita da alcune strane coincidenze che ruotano attorno alla sua amica archeologa Rose. E allora il vecchio palazzo nobiliare dove vive Ada, scena del delitto dentro le viscere della Catania storica, potrebbe forse rivelarsi il tassello di un disegno più ampio, che cancella i confini geografici? La casa nasconde un mistero? O è qualcuno dei suoi abitanti a essere coinvolto?
Ada Hartmann è nata a Berlino Ovest nel 1972 e il caso l’ha portata a Catania, dove insegna Sociologia degli spazi urbani all’università. Autoironica frequentatrice dell’oracolo cinese, ama perdersi per le strade delle città, per poi ritrovarsi in qualche caffè o pasticceria. Insaziabile consumatrice e produttrice di torte, amante dei misteri, si sta scoprendo curiosa e interessata alla vita di chi la circonda, tanto da trasformarsi in un’abile investigatrice.

L’AUTRICE
Michela Gecele, nata, cresciuta e vissuta a Torino, da qualche anno risiede a Catania. L’insolito cognome che porta proviene, come la famiglia paterna, da Pieve Tesino (TN). Medico e psicoterapeuta, si interessa alle connessioni fra gli esseri umani, il mondo in cui sono immersi e le lingue che parlano. Condivide, da molti anni, la passione per la letteratura di genere – i “gialli” – con la sorella Piera.

Commenta

Pubblicità/Advertising